Page:Teatro - Menotti Bianchi.djvu/197

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
— 175 —


Tore


(c. s.) E quanno me lasse?!

Matalena


Si' stato tu che l' 'e' acciso, tu!...

Tore


E ssì! So' stat'io, che buò?

Matalena


Ah! si stato tu?!... (Risoluta tira dai capelli la «spadetta di Genova» e con movimento fulmineo colpisce ripetutamente Tore alla gola, sul volto e sul petto). E teh!... Chesto è pe Vicienzo, chesto pe me, e chesto pe Dio! ca pure isso l'ha vuluto! (Tore gira su sè stesso e cade morto. Maddalena gitta attraverso il cancello la «spadetta», indi si rivolge al morto della morgue). Teh! chesto è sanghe suio!
(Con ribrezze si guarda le mani intrise di sangue, poi, nasconde la faccia nello scialle e fugge perdendosi nell'oscurità della notte. Dalla «Vicaria» giunge il canto d'un carcerato, interrotto dal suono ferreo delle inferriate, «visitate» dai secondini).