Page:Teatro - Menotti Bianchi.djvu/191

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
— 169 —


Lampionaro


Povera femmena! Starrà aspettanno ca se retira, e chillo....

Ciro


E Iammuncenne pure nuie. Da nu mumento a n'ato po venì Matalena, e chi se fidarria d'assistere a chillo sparpetuo (Escono).

'Gnesa


(Mentre va via). Povero Vicienzo! Requie a ll'anema soia. (La scena si oscura di piú).

SCENA VIII.


detta e Matalena


Matalena


(Spaventata, con gli occhi rossi dal lungo e forte piangere, con la disperazione nel cuore, vestita di nero, vien fuori come una forsennata. Fa per correre al cancello, ma con terrore indietreggia, ansante. Vinto il primo spavento, si precipita al cancello. Emette un grido straziante, forte, terribile e cade a terra. 'Gnesa corre per rialzarla. Matalena alzandosi non bada a 'Gnesa e tendendo le braccia attraverso le spranghe dal cancello). Vicienzo! Vicienzo mio!... Chi me l'ha acciso, chi?! Tu ire accussì bello! Forte, buono! Nu core d'oro! N'angelo 'e buntà!! Viciè,