Page:Teatro - Menotti Bianchi.djvu/189

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
— 167 —


tutto pecchè? pecchè nun se crede a niente cchiù! Va, iammuncenne, se ne so' ghiute tutte quante; che ce facimmo nuie sule cca?

Ciro


Si, iammuncenne, s'è fatte pure notte. (A questo punto viene in iscena nu lampionaro. Indossa un abito azzurro ed ha la placca di ottone col numero sul petto, e la solita asta per accendere i fanali.

SCENA VII.


(detti e Lampionaro)


Ciro


(Al lampionaro) Cumpà, pecchè currite? Chi ve secuta?

Lampionaro


Nun me facite perdere tiempo, l'aggio fatto tarde...

Ciro


Mena mo, ca nun è pena 'e morte! Guardate llà... (Indicando la sala di riconoscimento).

Lampionaro


(Con indifferenza). Quacche muorto! Nun è na nuvità.

'Gnesa


È nu fatto! Ma sapite vuie chi è stu muorto?