Page:Teatro - Menotti Bianchi.djvu/188

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
— 166 —


Ciro


E chi puteva essere?... Parlate cchiù chiano (Sottovoce). Nce 'o prumettette, e appena è asciuto d''e ccarcere, ha mantenuta 'a parola!

'Gnesa


Che curaggio! Che 'nfamità!

Ciro


Ma isso pure è stato malamente; pecchè nun ha rispettato 'e cumandamente 'e Dio! L'è piaciuta 'a mugliera 'e ll'amico? e mo ben gli sta! Cheste so' cose ca nun se fanno!

'Gnesa


E va bene, nun se fanno; ma è sempe 'a femmena che nce àve cchiù corpa. Si Matalena se fosse saputa riguardà, si se fosse mantenuta aunesta, tutto chesto nun sarrìa succieso! Se capisse, ll'ommo è cacciatore, vede 'a quaglia e 'a spara.

Ciro


Ma Vicienzo, pozz'essere beneritto, nun aveva tradì l'amicizia... L'ha traduta? e vedite che ll'è succieso!

'Gnesa


'O munno s'è cagnato... s'è fatto malamente! Se ne sentono, ca se ne sentono! E