Page:Teatro - Menotti Bianchi.djvu/180

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
— 158 —


'Gnesa


(A Peppenella, parlando di Nannina) Vuommeche... vuò! Te fanno avutà proprio 'o stommaco!...

Peppenella


Totò, pecchè ce vulite fa disturbà cchiù 'e quanno stammo disturbate?

Totonno


(A 'Gnesa e Peppenella) Ma pecchè? Ve dispiace 'e me sentì?

Peppenella


No, ce dispiace 'e smucculià stu cannelotto!

Totonno


(Sorridendo) È stato pe spezzà nu poco 'sta munutunia!

Nannina


E già! Chillo, Totonno é giovene, s'ha da divertì!

Emilia


(Che non lascia mai di guardare nella cella) Hanno appicciata 'a lampa... (Alcuni corrono a vedere; la cella si è illuminata d'una luce rossastra).

'Gnesa


Mamma mia, che faccia ianca... Fa paura. (Sempre con tristezza) Puveriello!