Page:Teatro - Libero Bovio.djvu/281

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


-^SjONljr, ATTr, scena IV. aNNA DE MURO • ’* pi“°u LUC1A- PEPINO DE MURO MICHELE GIGANTE c„ l'asci» appare Jlrma de Muro, lo citca _ gujdoto jn Lucia, la piccina dolce e pallido, che ho du« grondi chi ntri c luc*nlL °C de Muro non ® c,eca accademica dalla ooce 'fl*1*0 cnlosa e dal gesto tragico : tutt’altro. È una crea- nobile e bizzarra, tutta materiata di umanità. Nella

  • ur° ei gesto, nel calore della parola somiglia pro/on-

ente a suo figlio: a Peppino de Muro. eccitò non t incombente: è, quasi un elemento 5Ufl • nlla sua bizzarra originalità. Pre/erisce il è - *—«- ANNA fj«i /«A. *°"° Sri. >u « Michel* — a/ figliuolo:) Che zengara !... • ... Tre re, mammà, j ANNA j ’O Re m’ha chiammata a Palazzo gigante (ridendo) 9 DE MURO — tre ore,... Addò site stata ?