Page:Teatro - Libero Bovio.djvu/279

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


La pace è fatta ! PALUMBo (Snidando la Ebbiva sempre il principale • C°PP°la:) m‘° Sen-afi0o Sn GIGANTE E DF „ ° ’ tDEMUR0 Evviva I (Sedano:) fé scoppiano a ridere clamorosQm trascina via Spasiano, gtida^^àn meni" P'iumbo agitando d berretto.) ncora: Evoioa I e< Ora i due pittori ridiventano serii questo pò di gaiezza non servò eh!' PCnS°SÌì e par cb più profonda malinconia. ° J>r'parore un SCENA III. DE MURO E GIGANTE DE MURO spalanca la finestra , dietro la quale trionfa un picc albero di limone, le cui foglie, ora, sono agitate c un Venterello fresco e leggero; — poi va a sedere su sgabello, in fondo,— i gomiti poggiati sulle ginocc la testa fra le mani. Un ondata di sole illum ambiente. S ode il cinguettio degli uccelli.) GIGANTE al finestrone, e risponde al cinguettio con • » •—j, ■ "7* • zi - Za zi - Z.i zi...