Page:Teatro - Libero Bovio.djvu/176

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
168
'O PRUFESSORE...

MATTIA

(risponde con un desolato gesto di diniego. Nunziatina fa di nuovo per andare. Mattia, d'un tratto, si leva, ppallido, tremante: non ne può più. L'afferra per le braccia, la scuote una, due, più volte, —e con la voce rotta dai singhiozzi le grida:)
'O vuò bene?...

NUNZIATINA

(si piega nelle spalle)

MATTIA

(con più forza:)

'O vuò bene?

NUNZIATINA

Nun 'o ssaccio... Lassa... I' nun voglio bene a nisciuno... Manco a me stessa voglio bene...

(E si svincola ancora.)

MATTIA

(sempre affannoso)

E aspè... E ssiente...

(afferrandola per la gonna)

Nun me lascià... nun me lascià... Siente...

NUNZIATINA

(fa un gesto di diniego col capo; —poi, scoppiando a ridere, tragica e feroce, gli fa un segno di saluto con la mano, come a dirgli: Addio!)