Page:Teatro - Libero Bovio.djvu/168

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
160
'O PRUFESSORE...

nce torna p'uno iuorno a lu paese... c'ammanco Bartulummeo more cuntento...

(ha un singhiozzo)

MATTIA

Mammà!...

AGNESE

No... no... mamma nun chiagne, 'ossignuria...
(ha dei brevi singhiozzi, ma atteggia il volto al sorriso, e carezza i capelli e il volto del figliuolo prediletto.)
È cuntenta mamma ca doppo nove mise t'arrevisto... e dimane torna matina... e te fa lu lietto... e te scopa la casa... e te cucina...

MATTIA

(mette fuori dalla tasca poche lire d'argento:)

Ve ponno servì...

AGNESE

Che n'aggia fare, 'ossignuria?...

MATTIA

C' 'e llasciate a' Monaca...

AGNESE

(sorride e conserva le poche lire nel fazzoletto, e fa un nodo per assicurarle)

P'unu iuorno a lu paese.., Che te face?