Page:Teatro - Libero Bovio.djvu/167

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
159
UN ATTO

MATTIA

(come a discolpa)

Mammà... latino e greco tutta 'na vita!...

AGNESE

(non comprende, —sorride, —e gli carezza i capelli)

Tutto è cangiato a lu paese! Da quanno nce manca ossignuria dint' 'a la casa nun se ride cchiune... Lu campanile de la Chiesa cadive... Don Aldino Marano murive lascianno ciento ducate a li povere... e lu frate tuio nun scenne cchiune a la cità pe' la nuvena, pe' via ca Tata nun accudisce a la terra...

MATTIA

(con un fil di voce:)

E Maria Rosa?

AGNESE

Spusave nu colono, e nce la fatto tre figlie... Tre aneme de Dio, cchiù belle dell'angiole...

(in un orecchio)

ma nun s'è scurdata maie... Cumare Matalena l'ha vista a chiagnere sotto a la vigna...

MATTIA

Mammà!...

AGNESE

E tanta e tanta cose t'ave a dicere mamma,... e tanto t'ave a parlare... e tanto t'ave a prigare ca 'ossignuria