Page:Teatro - Libero Bovio.djvu/166

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
158
'O PRUFESSORE

Un silenzio.

(Squilla lenta e lontana la campanella della Chiesa. La vecchia si inginocchia e si segna. Mattia la contempla commosso)

MATTIA

(d'un tratto, con tante lacrime nella voce:)

... E Assunta?... E Peppino?... E Rusaria?... E papà? dì... mi pensano?... A 'o paese che fanno? Parlano di me?... Si ricordano di me?... Sì?...

AGNESE

Tata nun zappa cchiù: s'è fatto viecchio... Te penza sempe... e chiagne... e da che stea sempe 'nguerra cu li Sante,... mo tutti li dummeneche vace alla messa, — e spiso l'ati iuorne della settimana...

Un silenzio.

Che Natale, figlio, che Natale, ossignuria!... La neve auta così... e lu fucolare stutato (lenta)... Tata chiagnia ca tu manco 'na cartulina a mmmamma!

MATTIA

(la testa tra le mani)

Niente... niente... non mi dite niente, mammà... È un anno... è un anno... lo so... che non vi ho scritto... che non vi ho più...

AGNESE

(turandogli la bocca:)

Mamma vole che stace bene, ossignuria...