Page:Teatro - Libero Bovio.djvu/155

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
147
UN ATTO

cipando al ”concerto„ con una specie di risata ritmica, modulata.)

Pur' io sò stato giovane 'na vota,
nun m'allicordo cchiù quant'anne fa, —
pur'io tenevo a mmamma, e, cchiù 'e 'na vota,
chiammavo dint' 'o suonno: 'Oi mà... oi mà!

... ma mo, quanno me guardo dint' 'o specchio,
me pare ca me sò fatto viecchio...

Zompa larì-lirà, si ll'uocchie arape...
si arape ll'uocchie mamma...

(interrompe l'arietta con un singhiozzo.)

MATTIA

(non leva gli occhi del singolare personaggio. Pietà, ribrezzo, terrore, in una strana e angosciosa alternativa, si avvicendano nel suo animo di sensitivo, senza volontà.)

NUNZIATINA

(ha riempiti, intanto. i bicchieri di vino, e porta in giro la ”guantiera„ — A 'Mbomma:)
Teh... bive... (e gli porge il bicchiere che Ascione si affretta a strappargli di mano.)

FERDINANDINO

(a 'Mbomma:)

Chello ca va 'ncuorpo a me... va 'ncuorpo a tte... Alla salute!...