Page:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/99

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
89

Signorine

ALBERTO dairanticamera, curvandosi.

Augurii.

AMAUA

Grazie.

ALBERTO

Auguril. (Stringe la mano a Donn’malia) Se le gradite... (Le offre un piccolo bouquet di gardenie).

AMALIA

Tulte gardenie ! Grazie , grazie assai del penziero ! Intanto Immacolatina, ha perduto la scommessa con la sorella. Proprio adesso Idarella diceva che vi teneva dinanzi agli occhi... Immacolatina si ostinava a dire. Quello non viene.

ALBERTO

Oh ! E il dovere ? Vi pare ! Mi fa piacere per la signorina Ida...

AMALIA

Vedete, donn'Albe, niente di male in quello chi vi dico, ma quella creatura come se ve tenesse sempre presente. Sarà un fenomeno pissicologo; sarà perchè voi siete cosi garbato, così allegro...

ALBERTO

Siete voi troppo amabile... (Guardando con interesse Rosario) Vendemmia, è vero ? (Additando Rosaria) Una colona ?

AMALIA

Una colona puglianese. La figlia di Francesca la massariante qui appresso.

ALBERTO

Bella ragazza !

AMALIA

Non I’ avete vista mai ? E già, è il primo anno che