Page:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/95

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
85
Signorine

IDA

Ma che faccio io ?

AMALIA a Ida.

V’ ho detto finitela. Vattenne dinto tu.

IDA

No, nu mumento. Io debbo sentire che faccio io. Dì, adesso sta pure mammà presente.

IMMACOLATINA

Sì, mammà presente... E poi... Io non parlo mai per cose di male, sa... Dico che l'anno passato non m’ingannai come voi, e dissi subito: R Vih, ca questo si vuole divertire, vih, ca questo si vuole divertire... 1 Cumm’adesso vò fa’ Spina, eh’ è un altro di quelli che proprio questo vanno facendo. Tu incominciasti a ddi’:

" che al giorno d’oggi se una signorina è sprùceta l’uomo si secca... n Mammà ca pur essa...

AMALIA investendola.

Mammà pur* essa che ? Certamente i’ che vularria ? Che ve situate. Ma oggigiorno gli uomini, una signorina per bene vanno asciando solo la dota...

IMMACOLATINA

Ma chi ve dice niente ! Però nei metteste una granda fiducia a quel giovane. (A Ida) E tu mi capisci.

IDA nuovamente in lagrime.

Comm’è cattiva mammà. Sò io a che vuole alludere: parla di quella volta che mi ci mandasti sola fino alla Vigna sopra Pugliano !

AMALIA a Immacolatina dandole un pizzicotto al braccio.

Tu sei stata sempre na vipera, sa.