Page:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/178

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
168

“Anema bella„

DELEGATO

Ma pecche te miette appaura ? E chillo s’hanno pu,. lato ’a Uà fore... Nun nce sta cchiù (Sorride ■m»r»Weou Staile bona...

MAMMELA scorgendo »ul fiore d*|i macchie di sangue, ha un fremito e lo lascia cadere a terra.

DELEGATO fa cenno all’ agente d* aprire I* uscio. L’ agente esegue. Un lieve mormorio nel gruppo di fuori.

SCENA 7.*

Teresa, Rosario, Totonno, Nunziata e detti.

TERESA al Delegato.

Bonanotte ’o scellenza. Signò.

NUNZIATA

Avite visto, nun sapeva niente chella ricca figlia. DELEGATO Niente... Niente... Nun sapeva niente... TERESA Chella se ne more appriesso a isso, dico a buie, signò... DELEGATO secco. Bonanotte. (A ‘Colorino) Bonasera Totò. TOTONNO Servo, cavaliè. NUNZIATA, TERESA, DON ROSARIO Bonasera ’o scellenza.

(Il ^Delegato e l’agente escono all* aperto. Lo spettatore attraverso

la cancellata che copre la finestretta del basso, li vedrà passare e scomparire nel baio del vìcolo a sinistra).