Page:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/177

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
167
“Anema bella„

MAMMELA inai voce.

Gnossì... E sentite...

DELE'IMO

...E tu H'hé acciso... N' ato t* avarria lassato... n’ato t’avarria tagliato a faccia... Peppeniello s’è menato abbascio. (E commotto).

MAMMELA con le mani itrrtle al petto. tnnntaU, atterrila.

Io?... lo?...

DELEGATO

Sì, tu: a poco a poco, * poco a poco, senza fa’ niente 11* he acciso !... L’ hai acciso 1...

MAMMELA

...E sentite... E eh* aggio fatto ? DELEGATO ...Niente, e tutto!

(Un aleiuio hwgo).

MAMMELA Nun me lassate sola. I* me metto paura.

DELEGATO die •’ era liberato dalla Aretta ed era per avviarsi. Ioni iadietro, la guarda hrmrtfwfr poi svolge an fazzoletto macchiato di «angue, ae trae fuori una rosa e la porge a Mammela.

Tiene: chesta t* ’a marni’ isso...

MAMMELA guarda spaventata la rosa. DELEGATO Chesta nun ce *a può turnà cchiù...

(Le mette a viva fona il fiore mtangmnaio fra le mani).

MAMMELA

Nun me lassate sola!