Page:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/164

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
154
“Anema bella„

Tu è fatt’ ’ammore. Cchiù iigliulella... senza guida, senza riflessione... L’ uommene, ca chesto vanno la* cenno... trovano ’o ddebole... e... chi s’fc bisto s* è bisto... £ na povera figliola, le capita nu buono partito... tu naturalmente... che ce ’o putive cunfessà ?... O Peppino 1’ ha appurato , o che ?... He capito ? Chillo eh' era accussì apprennetivo...

MAMMELA ha seguito il discorso tempre più sorpresa r confusa, come le fosse oscuro il senso delle parole. Poi che tutto ne comprende il significato, ha dei moti vibrati del capo, e mettendo nelle sue parole tutto lo schianto ed il dolore per il sospetto, dice,

I’ so* zetella...

DELEGATO con imbarazzo.

Agge pacienzia... He ’a capi ca uno pure va an pazzia... Vintun'anne. Niente le mancava, bello e buono: bùnfete 1 'a copp’ abbascio 1 Ma quacche cosa c' è stata, quaccheduno è stato...

MAMMELA è ritornata pallida.

1’ nun... ce aggio corpa a niente... (Una patua) Teneva nu naturale... nu naturale I...

DEILEGATO con l'intenzione di scrutarla.

Attaccagnuso, eh ?... Faciveve chiacchiere, dì ’a ve* rità.

MAMMELA indecisa.

Gnernò.

DELEGATO

Chiacchiere mo... ’E ssolete scemila... ca uno ’e bote, ce fa palaz^e ’e casa ncoppa...

MAMMELA in tono lamentoso • quasi come per una sua discolpa,

Gnorsì...