Page:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/156

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
146

“Anema bella„

ACHILLL, a Don Hosatin avviandoti.

Cavalier Catarde... ’on Rusà... I' ’o cu nosco ’a tre anne. Figuravete a vuie... lo stono nella sezione dai millotticento...

TERESA lo «pinge.

...Jate... papà... s’è capito...

ACHILLE

...Dal millotticentosissantasette... Addò state c’ ’o salone... ngi èva una chiesia...

TERESA

£ gnorsì... jate... gnorsì...

ACHILLE

Ngi èva una chiesia, parlanno con rispetto, dei Carmelitani scarzi.

TERESA

Papa... jate... papa... (E bonariamente lo spinge).

ACHILLE

£ felice notte. (Vi* cullando il piccino) Oh !... Oh I... Oh!...

Ohoooo...

NUNZIATA a Totonno.

Si* Totò, ma che bbene a spià pure a nuie ’o rellicato ? E nuie che He dicimmo, ca che sapimmo ?

TOTONNO volge il capo verso gli a*Unti, allarga le braccia e dice.

Chello eh' aggio ditto i*. Niente.

TERESA ha bagnato la nocca del grembiule con la taliva e lo «trofina con eoa sul bavero della giacca di Totonno.

TOTONNO

Lassai’ j\ chella nun se leva... E si vedivev’ ’a cani-