Page:Teatro - Ernesto Murolo.djvu/146

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
136
“Anema bella„

TELA.

li bwa di Naaneta * Cìmé' mmm bìkio m paltò, la loodo, « «. ■M. ■*■ piccai» fcmlii dw dè od vìcolo. protetta da na cavai, hi. Sai piccalo davaarak è n w» di terracotta tot b—Vn, Qad. db* «tracòo peadr al* ialrrrila. Addo—lo db parete di «aàtra è aa ' caaà * a da» loden, aatico, e dia «accada qoiata di màlra. pochi acafiai ia kpa cwodatoao ala «aaraffi* di Matamdi.

Nd atato. Ira il fattaccio e la porta. 4 aaa cwdau: *n di aa è aa graa aia no di fiori ài aa hwnl> di creta. A dona, la porta dd boato. Nd acoo, «mo dalri, è il tavolo, od quale è no laaw ac* eoa. Dd* «db di poffca. Al* parati di aaàlra e dd fondo ooao atterrai* deftr poccofe lotograta, ddb cartalia* ifltaÉrai*, qualche «in* •alo di carta, aao ipotcWtio, Dal* inn ptafaao na taatzo di poaodori vardi. dd* torbe. dai peperoobai rosi, un caciocavallo. Prcaoo 1 tavolo «oso da* ordegai par lavorare i (accetti «fi oeta: piccoli trea* da di lagao eoo oaa «pad* d* arcolaio, iolorao d qoal* gir aao e »«• Iracdaao i fil 41 ala che ricadono poi ia piccoli lacci. E ocra. Fuori è baio. Ma Al* akro Ilio del vicolo, a aaùatra. di troni* alT iétetnaia, il Imt acento mI bàttalo dd calzolaio, e quello dd'Banco Lotto '—a deatra, ala etti porta, viaibile dallo apettatore, peodoao dd groMÌ candii con i iwniri • certi '—mandano na pò di hicc rana fin «db togli* dd ' batto

AT alzar ddb tda, un piccolo frappo di uomini e di donne è wb inglia. Um donna reca in braccio na bambino, an’altra trattiene 3

•no par la «aao. E ad frappo an mormorio, ora lieve, ora nanoroao. Di balano, I* aco litriwaa di aa ■ pianino *.