Page:Teatro - Achille Torelli.djvu/48

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 34 —

raccomandato a Nannina, la moglie... E non me nc sono stalo neppure a questo.... Ma, con la passione che lo acceca, con le chiacchiere che lo macerano, con questo rospo di pantano che sputa bava e non gli lascia aver bene, si sa, il cervello dell’uoinn è come una foglia di cipolla.... e quello che può succedere nessuno sa prevederlo!

— Ah, voi mi fate morire! — riuscì a balbettare la povera giovane abbandonandosi a sedere avvilita, estenuata. Ma immediatamente si rizzò di nuovo, e con indicibile dolcezza di rimprovero si volse alla zia di Donato dicendole: — E voi, voi non pensate che quello si può ammazzare?!

— Penso... penso che non s’ammazzerebbe se non avesse persa la testa per voi!

— E vorreste l’avesse persa per una vecchiaccia, come voi, con un piede nella fossa? — ricominciò Gennarino: — L’ha persa per un fiore! E tanto l’ha persa che se Filomena gli dice: Voglio ed ordino che tu non ti ammazzi, lui abbassa il capo, obbedisce e le si cuccia ai piedi A questa conclusione Filomena diede come una successione dì note, che erano l’effetto di un’onda di gioia. Ed oramai, poiché dipendeva solo da un suo cenno che Donato non attentasse ai suoi giorni, nc seguì naturalmente che il terrore del suicidio si dileguò in lei e la suprema dolcezza di sapersi amata, la investisse interamente:

Dite! ^dite! mi vuol bene? Assai, assai? Davvero? — supplicava, carina carina, a mani giunte, quasi inginocchiandosi ‘5 j p:odi di Gennarino.

E lui mentre le rispondeva, si rivolgeva poi alla vecchia per vr’. ePa’ Crepa! — E quella fiottava senza posa.

^ i vu°l tanto bene, che si rivolta come una vipera a chi dice che vostro padre.... Cioè... Insomma... Crepa strega del noce di Benevento!

— E se si è salvato all’esame è stato un miracolo, tanto non conchiude più nulla.

— Sicuramente che non è più buono a nulla! — osservò la megera.

— Tu hai da morire e noi abbiam da campare mille anni!_

ribattè il giovane.

— Ah è troppo consolazione; troppa!

— Ride bene chi ride l’ultimo!

— Mi avete rimesso M core nel petto....

— Le hai rimesso l’olio...

— Sputa sangue, brutta fattucchiera!

— E perchè sta zitto? — riprese Filomena — Perchè noa

mi dice mai nulla? — Scucigli la bocca! .

— Ditegli voi che anch’io muoio per lui...

— Fa il tuo mestiere, mezzano!