Page:Teatro - Achille Torelli.djvu/20

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 8 —

Furbo rimprcsario del ieau^ ------. ’ ’

il suo repertorio non s’alimentava abbastanza della vena de porti, si diede animo e corpo allo Scarpetta, che, bene o male gli offriva un repertorio; e più bene che male, perchè le su farse traggono e i nostri piagnistei annoiano. E il Pantalenc con la Magnetti, mettendo insieme una nuova compagnia, s vide appunto nelVimpossibitità di <mdare avariti alla lunga avendo poche belle commedie, ridotte anche a più poche, per chè la Magnetti, pur essendo uri ottima, seducentissima artistc non è una mattadora; e, pertanto, esclude dal suo repertorii tutte le produzioni che non $i con fanno al suo temperamento Nè le do torto.

Dunque, per l’indolenza di un grande attore {il Pantalena) per Virrequietezza di un altro attore {lo Scelzo), che non (he saputo fare emergere una grande attrice {Leonilda Scelzo), pei amor proprio di una brava attrice {la Magnetti) e specialmente per la deficienza della vena comica negli autori, la nostra commedia paesana pericola ancora in un mare, infido. Ma Ernesk Murolo, riusciva a trarla in porlo, perchè nei disegni dove soni indispensabili le forze collettive, se impera Vegoismo, il falli mento è sicuro.

Mi dicono che lo Scarpetta, vedendo a Firenze la statua d Dante, uscisse a dire: « Sì; ma isso non s’è fatto ’nu palazzo case!» Aveva ragione! Occorre essere incurabilmente malati d eroismo artistico per tenersi fedeli ali Arte e ridursìi a patir’ la fame! Senza contare che

Sempre Tuoni non volgare

o scavalcato o inutile si spense.

Ma se, a produrre commedie, voi, nuovi autoii napoletani impiegaste metà dell’ingegno che sciupate a scavalcarvi tui l’altro, occupereste meritevolmente il posto a cui qualcuno fn voi sale; e risparmiereste a voi stessi triboli che immancabil mente vi attendono dal credervi tanti gejnii.

Tutti i dolori della mia vita derivarono dal reputarmi ma§ yiore di quello che ero!

Ed ora guardo, senza far parole, ma con pietà superna a chi si crede un sole e a stento è una lucerna’

ACHILLE TOKELLI