Page:Teatro - Achille Torelli.djvu/197

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 179 —

- 179 clere ’a messa..’ (’/\ Carolinella) Avviate nnanze tu co frateto... (iUtroli netta esce zumfxtnno co Variuccio). (A Umberto) Guè, guagliò. • patir chiare... ponza a surcà deritto... (avviannose) si

ll0... eo tutta a sciabulella a Iato... (Se ne vanno p ’a cucina).

Restano Vittorio e Amalia.

A mai.fa — va arapì ’o stipo. e nce resta co ’a capa of accia comme a na nzenzata.

Vittorio — (le va vicino) Ama...

Amalia — tremma comme si avesse avuta ’no paura atVinxpr avviso.

Vittorio — E’ overo che. non ce simmo viste da non saccio quanto ticnipo... ma...

Amaija — E che vulite?

Vittorio — Embc, simmo frate cucine... e parlammoce co tu!

Amalia — Non ce aggio fatto ’a vocca!

Vittorio — No, è pecchè pure vuj avite na brutta opinione ’e me: ve credite pure vuie...

Amalia — Gnernò...

Vittorio — E qua uno è accossi, diciteme tutto...

Amalia — (’he v’aggio a dicere? (Se votta ncoppa ’a seggia; s’annasconsic ’a faccia into V mmane).

Vittorio — Vuie me parite ’a Matalena sotto a Croce!... Mannaggia che... (Se gratta ncapa).

L’ata notte, quanno nce stevemo pe perdere, io facette ’o vuto e levà na figliola d’ ’o peccato: e, mannaggia! me sono attaccate ’e mmane, aggio fatto ’o vuto, e mo l’aggia mantenè... non me pozzo sposà na figliola onesta comme a vuie... Ma (l’abbraccia) si non ve pozzo essere marito, frate vuosto nce so nato e nce voglio rommanè... Vuie site a sora mia... Stateme a sentere...

Trase Rachele.

Amalia — Lassateme...

Rachele — E che rabb’è? Ched’è st’abbraccio?...

Vittorio — E stateme a sentere pure vuie!...

Rachele — E che aggio sta a sentere...

Vittorio — Lassateme parla, ch’ ’e parole non so scuppettate... A bbuordo, into a quatt’anne che avimmo fatto ’o giro d’ ’o niunno, non ce steva ’a spennere niente, o solamente quacche meza lira a vinicola, e me songo accucchiate duje mila e setteciente lire...

Trase Stefano chiù /ubriaco V primma.

Amalia — (comme si avesse visto o Diavolo vedenno fo patre) Non me facite vedè a pateinoi... Non me facite vedè a paterno!... (Comme a na pazza) Facitenie mori si me volile bene ! (Se ne va dinto una vutata).