Page:Teatro - Achille Torelli.djvu/192

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 174 —

- 174 Carolinelia — Vattcnne tu!

che — E me ne vaco...

Carolinella — Si aggio mannà a dicere quacche cosa a zi rustanza dongo ’a lettera a Umberto...

che (sempe accuneianno ’e panne). E chillo, Umberto, se ne vene co me.

Carolinella — Comme? Se ne vene?

che — Eh. —

Carolinella — E quanno?

che — Mo..

Carolinella — Addò maj!

Vittorio — E ino sapite che vulite fa? tornateve a

appiccecà !

Carolinella — E chillo me dice che Umberto se ne va

co isso!

Vittorio — E a te che te ne rnporta?.

Carulinella — E comme, Umberto da zi Custanza me dicette che se sarria restato?

che — E mo se nc va... (Sempe accunciatino ’e panne).

Carolinella — E pecchè se ne va?

che — Tene n’appuntamento.

Carolinella — Co chi?

che — Co na perzona...

Carolinella — E chi è?...

che — N’amico.... femmena...

Carulinella — (comme si avesse avuta na lanzata a ’o <ore). Na figliola?

Vittorio — (tuppeteja co ’o pede a Ciccillo pe non ’o fa parìa) E tienatcllo ncuorpo!

Carolinella — Na figliola?

che —i ’A figlia ’e Nannina ’a Siciliana.

Carolinella — È Umberto ’a vo’ bene?!

Vittorio — Nonzignore! (A Ciccillo) Chella non s’ ’o po’ sposa, pecchè si se torna a maretà perde ’o lasceto d’ ’o marito» che l’è muorto...

che — (chiudenno ’a valiggia) E pe cchesto se ne vonno ji tutte e duje a l’America...

Carolinella — (co nu sulluzzo nganna, cadenno into a ’e braccia ’e Vittorio). Chiammateme ’a Nonna chè voglio morì....

Vittorio — Ciuccione! (a Ciccillo).

Trase Rachele v^slula che è na bellezza

Rachele — (veden.no a Carolinella che è venuta meno jette fo scialle pel’ aria e corre a pigliarsela into a ’e braccia)• Ah, Mamma d’ ’o Carmine!! Che è stato?! Che è stato!!!

Vittorio — (nzignanno a Ciccillo) Sto bestio!

Rachele — (a Ciccillo) Che l’he fatto? Che l’he fatto? che — Io?!