Page:Teatro - Achille Torelli.djvu/17

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 5 —

gerimento mi venne da un vero (alloro ignoto, oggi illustre) autore drammatico, H mio carissimo Roberto Bracco. La commedia ’O buono marito finiva, come I mariti, con la parola di Nannina all orecchio di Iennaro, e il Bracco, il colonnello Fo~ cault, Federico Persico, il generale De Sauget ed altri, subito dopo la prova generale, sorsero a diret col duca di Maddaloniz «La commedia «I mariti» da togata è divenuta tabernaria\> E fu tutto in coro: « Tabernaria! Tabernaria! » E il Braccostrepitò più di lutti: « Vogliamo una chiusa tabernaria, cioè rispondente al sentimento c all’indole popolare: la vogliamo! la pretendiamo! » Questo fu il meno pretensioso e, giungo a dire, il più fraterno dei suggerimenti, ch’io misi subito in atto, c che decise, al finale del lavoro, del suo strepitoso successo. Dico strepitoso, perchè dovuto non a me. ma a Roberto BraccoLi per li, tolsi il copione di mano al suggeritore e buttai giù la nuova scena che chiude la commedia. Immediatamente la feci provare ai mirabili attori della Fenice, che erano allora

il Pantalena, l’Agolini, la De Crescenzo Amalia. la De Crescenzo Corinna, la Cutrinelli, il De- Crescenzo, lo Scelzo, il Detta Rossa, il G iterar di. la Magnetti, ecc. E così ebbe inizio il Teatro artistico napoletano, il quale, parecchi anni dopo, avrebbe domito avere, a Roma la sua conferma. E l’ebbe; ma senza ’O buono marito. — E, per scagionarmi della mancata rappresentazione a Roma d’ ’0 buono marito e delle altre mia commedie napoletane, mi corre l’obbligo di pubblicare la seguente ItUera del Di Giacomo:

14 marzo 1910

x Illustre Signore,

«II Moli nari, impresario del Teatro Nuovo, condurrà la « sua compagnia al Nazionale di Roma e vi darà commedie e « drammi dialettali, che hanno avuto qui maggiore e meritata <r fortuna. Pregato da lui, gli ho composto decorosamente (si 4 noti questo decorosamente) il repertorio. Sorveglerò (sic) lo « impresario e baderò alla messa in scena, alle prove, alla di~ t sci piina di quelli attori. E’ mia personale intenzione d’inaugut rare il corso delle rappresentazioni con la sua riduzione de ♦ I mariti ».

Perdoni if Di Giacomo: ’O buono marito non è una riduzione. bensì differisce da I mariti; e in ogni scena differisce; e, mppunto perchè alla chiusa non differiva, il Bracco, con vero