Page:Teatro - Achille Torelli.djvu/155

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
— 139 —

’O Barone — E chisto sta d’ ’a parte d’ ’a ragione!

’A Barunessa(a Don Nicola) Avete pigliate ’na quinta mbacante, ’on Nicò!

’On Nicola(a don Angiolino) Vuje a chi ’a vulite menà into ’o cruvattino?

’A Barunessa — ’On Nicò, vuje avite pigliate n’equinozio!

’On Nicola — Vuje a chi state a séntere? Chisto non vene cca pecchè le piace ’o casino, ma pecchè le piace a muglierema

’O Barone — Questo poi... questo poi... Ah!... ah!... ah!.. Questo, se è overo, questo no sta bene! Sappiate che mio padre era Guardia d’onore de Ferdinando II., e che mio nonno era d’ ’o Tesoro ’e san Gennaro... e che i miei antenati erano dei sedili Nilo e Capuana.

’On Nicola — E votta lloco!

Angiolino — Ma questo che c’entra? Non capisco...

’On Nicola — Non capite che io capisco che vuje jate secutanno a muglierema?!

Angiolino — Io ?!!!

’O Barone — Questo poi non sta!

’A Barunessa — Mia figlia non se fa secutà!

Angiolino — E chi ’a conosce? chi l’ha vista ancora vostra figlia !

’On Nicola — Uh! faccia ’e cuorno!

Angiolino — Moderate i termini!

’O Barone — ’On Nicò, embè! moderate i termini!...

Angiolino — Io non mi faccio insultare da nessuno! Io so’ nu giovane d’onore! Non vado ngujetanno ’a pace d’ ’e famiglie! Chi ha a’vuto l’ardire de di’ che io vado appresso a vostra figlia? Dicitemmello che le vada a ffa’ ’na faccia ’e schiaffe!

’O Barone — Parla cu vuje, don Nicò!

Angiolino — Siete stato voi?

’O Barone — Rispondete!

Angiolino — Datemi il vostro bastone, Barò!

’O Barone — Questo poi no!

Angiolino(a don Nicola) Pe rispetto a ’o Barone e ’a Barunessa non ve metto a pposto!

’O Barone — Chisto sta d’ ’a parte d’ ’a raggione!

’A Baronessa — Vuje tenite ’e cefescule a ll’uocchie, don Nicò!

’O Barone('e bona maniera, a Don Nicola) Cercate scusa, cercate scusa, a sto signore! questo ha ragione!

’On Nicola('a Don Angiolino) E faciteme ’o piacere: facitece ave’ ’nu Banco Lotto a ’o Barone!

Angiolino — E nce ’o faccio avè! co tutto ’o core!

’A Barunessa — Mettiteve ’a coda mmiezo 'e gamme! (A Don Nicola). Vèneno da dinto a 'o casino Rusalia e Rusella.

Angiolino — Siete stata voi, Signò, ch’avete detto a vostro marito che io insidio il vostro onore?