Page:Teatro - Achille Torelli.djvu/119

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 103 —

 Teresa. No, no! (Se ne scappo). #

Stella (sola). Ma che è pazza? (Vedenno Mariano) Ah, aggio capito! Sta venenno ’o marito... Assomma ’a tropea... Sfaii to spagnuolo, che non riala maje no centesemo a nischr no... Aspetta ll0 poco ca mo te servo io!

Mainano (trast nno infoscato 9e mente, non vedenno Stella v par!anno da pe isso comme a 9no pazzo). Chillo che steva dint’ a la carrozzella c’ ’o mantece alzato, chillo aveva ’a essere Taniello: isso eraJ nce parevano ’e penne ’e capone... Co ’o mantece aizato co chisto tiempo? co chesta jomata ’e paraviso?l Nò, non è cosa bona! (Caccia na lettera d"a sacca) E sta lettera ’a soja ha da essere!... Steva dint’ a ’o libro e moglierema... (Arape ’a lettera e se sforza a leggerla), A... ma... t, <a’ ta... Ame... at a... Mannaggia ca non saccio leggere!... (Vede Stella) Piccerè, saje leggere?

Stella. Avite voglia! .. E’ scritto?...

Mariano. Seh...

Stella. E mcttite ccà...

Mariano. Liegge... ma va chiano chiano, sa’! (Da ppe isso!) Vcdite Uà na guagliona sape leggere, e tu (vene a dicere a isso) Pulì! pe la faccia toja!

Stella (Legge). «Amanta mia carissima...

Mariano (mozzecannose 9a ma,no) A l’arma d’ ’a mammat Liegge, liegge appriesso.

Stella. « Mi songo imparato a scrivere a ’a scola dello reggimento, perche io vi... vi pozzo scrivere a voi... e voi sarrite sempe ’o penziero della mia capa e del mio core...».

Mariano. A l’ossa soje!

Stella. « E se io mi sone fatte sordato, io mi songhe fatto pe disperazione...» Uh, poveriello! Non teneva denaro?!

Mariano. Nce le boglio da’ io ’e denaro! Liegge, liegge...

Stella. «Pe disperazione di questo core trafitto... e cosi ’o vedarrete, che io nel foglietto l’ho disegnato trafitto da parte a parte da no pugnale... »

Mariano. Basta! Non ne voglio chiù! Sotto, chi nce sta firmato!

Stella. «Ta... Taniello amante sfortunato!

Mariano. ’O dicevo! isso aveva ’a essere! — Moglierema sta cca ?

Stella. Nonsignore.

Mariano. Comme nonsignore?! Ccà è venuta! me l’ha ditto ’o solachianiello ’e rimpetto!.

Stella. E’ venuta; ma se n’è ghiuta...

Mariano. Quanno?!

Stella. Mo mo...

Mariano. Sola?!

Stella. E i’ che ne saccio? Steva ’a carrozzella abbascio co ’e mantece aizato che l’aspettava...