Page:Teatro - Achille Torelli.djvu/105

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.
— 89 —

- 89 U bcno a na figliolo, se mettcrriano a fatica!

Nannina. E già. Aje ragione tu! , .

Jennaro. E sì, aggio tuorto! Ma ’o munno cammina e n au-a maiicra. Quanno nce sta n’ommo che vo’ veramente bene a nvogliera, ’a trova ca non vo t>enne a isso, e fa ’a pazza!

Nannina. Embè so’ pazza! E quanno è chesto pazza voglio ro min an è !

Jennaro. No ncopp’a chesto le sbaglie! Si tu si pazza, io fadder.zzo ’e cervelle. E si non te tornano ’e cervelle....

Nannina. Me vatte? Ovè?

Jennaro. Va Ite ? Gnernò! Io ’è femmene non ’e vatto: vatto all’uommene quanno s’ ’o meretano. Ma siente a me ca t’adderizze! T’ ’o dice Jennaro Palummo ca t’adderizze!

Nannina. No, non rn’adderizzo! nò!... nò!...

Jennaro. E accosst? Donna Mariannì? Embè? volite ca ve figlio pe ’no vraccio, e ve metto mmiczo a’ strata?

Nannina. Ma vedite! Starnino a’ scola... Vi’ comme commanna... comme.... comme... (Da pe essa). ’A verità, Tornino che fa’ Tornino me piace.

Jennaro. A buon cunto che vuò fa5? Stasera vuò resta ccà?

Nannina. Ccà? Io non me resto ccà, manco si m’attacchi co ’na fune!

Jennaro. E io voglio ca rieste ccà!

Nannina. E io me ne voglio tornà a Napole! io voglio.... {Sbatte ’e piede).

Jlnnaro. Voglio, sta fora a’ porta, Nanni!

Nannina. Embè... vorria tornà a Napole!... Jennariè, me vuò fa’ sto piacere?

Jennaro. Ah, mbè! Mo va bene. Vorrisse tornà a Napole? Embè pe te fa’ vedè, te voglio fa’ contenta. Però spiegammoce. Io aggio da ji a vedè no cavalluccio a Soccavo. Chillo povero sauro, chillo povero Fasulo, me pare ch’overo no ’sta buono» L’aggio trapazzato troppo ajere e ogge. Basta me ne Vaco cuoncio euoncio.

Nannina. Soccavo sta lontano?

Jennaro. A pede no nce pozzo ji!

Nannina. E a che ora me viene a piglià?

Jennaro. A ’e doje; va buono?

Nannina. Parola toja?

Jennaro. Parola mia...

Nannina. E si manche?

Jennaro. Quanno io aggio ditto parola mia, cade ’o munno, non manco.

SCENA II.

Trase Giesommina, de mana manca.

Giesommina. Oh, finalmente. Viate chi ve vede! V’avite fatte ’e denare!