Page:Storia vecchia - Assassina - Pergolesi - Carlo Netti .djvu/47

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been validated.
35
Atto primo


Siente a me: meglio ca ve spartite mo, ca quanno ’a guagliona nce à miso cchiù affezione… Chella è accussì delicata! (supplichevole, trepidante) Ne pigliarrìa na malatia… No, Pascalì fallo p’ ’a Vérgene.

Pascalino

(con strazio) Mme ne cacciate? Proprio mme ne cacciate?!…

’A sie’ Cuncetta

(c. s.) Nun songh’io; è ’a nicessità.

Pascalino

(minaccioso) Abbaràte, sie’ Cuncè!..

’A sie’ Cuncetta

(con spavento) Che buo’ dicere?!… Io nun aveva permettere, ’o ssaccio! Io nun aveva permettere!…

Pascalino

(c. s.) ’O core nun ’o cumanna nisciuno! (facendosi forza) Vulite ca nun nce vengo cchiù? Nun nce venarraggio. Stàteve bona. (Nel voltarsi vede Margarita; che, sentendosi mancare, s’è lasciata cadere su la sedia, accanto a la porta. Le rose sono sparse per terra, ai suoi piedi) Margarì?!…

’A sie’ Cuncetta

(si volta anche lei: precipitandosi) Steve lloco?! Ha ’ntiso?!