Page:Salviati Degli avvertimenti 1584.djvu/363

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


In lingua Genovese.

Dico aduncha, che a ro tempo dro primo Re de Zipri da pue dro conquisto che fe de Terra Santa Giofrò Buglion, intravegne, che unna gentildonna de Guascogna zè in peregrinagghio a visità ro Sepurcro, de donde tornandosene, zuinta in Zipri fo villanamente otraghià da zerti gaioffi, dra qua cosa a sentì tanto despiaxè, che a pensa* d'andasene a lamentà da ro Re. Ma ghe fo dito, che l'era briga* perdua, perche o l'era un homo si dezutre, e da poc*, che non soramenti o no se curava de fa vendetta dre eniurie, ch'eran fete a ri atri, ma che o ne sofriva mille, che tutto ro iorno ghe venivan* fete a le mesmo: tanto che tutti quelli, ch'eran con seigo scorrozzè, se ne pagavan con farghe quarche despeto. La donna senti* questa cosa, e perdua za speranza de puise vendicà, a fe pensè, per alenzerì uo* poco ra so ragghia, d'andà a ponze con parolle ra miseria dro ditto Re: e, quando a ghe fo davanti chiamando ghe disse:

Segnò, mi no vegno za a ra to presentia, perche aspette vendetta de quell'engiuria, che m'è steta feta: ma te prego ben, che in cagnhio*, per me consoration, ti me mostri, como ti fe a soferì quelle, che me disan tutto ro iorno, che t'è fete; perche, imprendendo da tie, me sachie porta* in patientia ra me, ra qua, se mi puise, De ro sa, como te ra renontiereiva vorentera, da pue che ti re se si ben portà.

Ro Re, che fin l'ant'hora era steto così pigro, e da gnente, come se queste parolle l'havessan desciao da un lungo suenno, comensando dalla eniuria feta a questa Donna, de li avanti castigà sempre righidamente tutti quelli, che favan quarche ofeisa all'honò dra so Corona.