Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/4

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


ra fantasia, come porrà vei chi questi lezzerà. Me deschiaxe ben assè che me sea steto deviou, che non haggie possuo inserì in questo liberetto quarch'unna dre soe mascharate perchè in quelle (lassemo andà che in tutte re soe cose ò riesse mirabile) ò l'hà avanzaou le mesimo, essendo pe re inventioin rerissime, e pinne de dogij sentimenti, pe ri què no han vossuo che se stampan, dighando che o fa dì senza, che se ne accorzan a re savie figie, re matte parole, con tutto zò chie no manchan assè belle cose chi puoeran delettà, e zovà in un mesimo tempo, essendo spanteghè pe ra chiu parte de belle moralitè