Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/18

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.



25.
E se à ro Cè re gioie so rendessi
Chi à ro mondo apprexa* ve fan da noi
Atro dro vostro possa no haveressi
Cha ra crudelite* che regna in voi,
E rendeghere, ò donna deveressi
O cangia* re cruezze in veri amoi
Che à voi troppo sta ma ro cuò crudè
Ch'in semegianza honorà sei de Dè.

26.
Ma ben ch'ascosa in casa vè nè stè,
L'annimo ch'à voi drizzo tutta via
Fa che mi veggo, ben che no voggie*
Ra vostra chiera amara, e savoria,
E se nova bellezza, annima mè,
Cerca*, à l'annimo mè fa cangià via
Lè chi si doce ve* ra chiera vostra
Torna à voi presto ch'inganne ra mostra.

27.
E quanto con chiu vivi e fin coroi
Bella e pietosa mè v'impenze fuo
Quest'annimo che drizzo sempre a voi
Tanto de voi suspetta chiu ro cuo,
Che rero è bello prao chi dentre scioi
No aggie ascoso dre biscie, e dri lagò,
E intro prao vostro, e villa tutta via
Cuoeggio i amare scioi de giroxia.