Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/17

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.



22.
Per voi si ben m'infrecchia Amò crude*
Ch'in Mà quando me bagno Poero un Zin
Ni l'egua amortà puo ro fogo me
E in terra poero quaxi un porco spin
E puo che treto m'ha ro Barestrè
Tutte re so verette d'oro fin
O se me accosta e re verette accende
E adoggia doggia in mi con fiame grende.

23.
Ma quando tira à voi questo Garzon
Per rompive ro cuò duro, e crudè
Ra frecchia inderre* torna, ò vereton
E in cangio vostro spesso, ò fere le
E in voi i'arme d'Amò remorchiè son
E in voi i'aguzza l'amoroso De
Possa amorè da prie cosi* finne
Ri cuo pertuza como gratteirinne.

24.
Da Gentir'homo inanti à Poexia
Solo atendeiva, e andamene à sorasso
E aura son devegnuo un Picca pria
Che atro cha picca* voi Pria no fasso,
Ma dro scopello mè ra vostra pria
Se ben martello ho grande moe* no passo
Che trà da voi vorreiva unna figura
Ma no ro posso fà tanto sei dura.