Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/158

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


72
E n’eran corsi un migio che sentin
Un gran forò sonà pe ra foresta,
(Dè m’aie ancuoe) fra le ro Saraxin
Dixeiva, che desgratia sarà questa?
Ma tntto* presto capità un ronzin
Ch’havea ra brilla d’oro su ra testa
Chi satava assè chiù d’un cavrioe
Ni l’impediva sassi, o castagnuoe.

73
Dixe ra donna se no son re fueggie
Chi fan che mi no posso veighe ben,
Baiardo, è ro cavallo chi s'accuegie
Chi donde semo, e bello dritto ven,
L’è veramenti lè che o pà che o vuoeggie
Famme favò, perche no se conven,
Un cavallo per dui, però pigiero
E a vostra bella posta cavarchero.

74
Sacripante desmonta, e se ghe accosta,
Che o se pensava d’afferrà la brilla,
Con cazzi ro ronzin ghe fa resposta
Che o fò presto a scuggià come un’anguilla,
O ghe buttava in corpo quarche costa
Si o no veiva moe* chiù casa, ni villa,
S’o no era chiù che lesto a reparasse
E con menà re gambe per sarvasse.