Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/154

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


60
E vozandosse attorno, o vè chi ven
Un tà chi è tutto armaou di* ferro fin,
Vestio de gianco, e un ciumelletto ten
Su ra cellà che pa de giasemin,
Re Sacripante si s'astizza ben
Con quello, che per fà quello camin,
G’ha deviou che no sea andeto a vezo
Si o no ghe vuoe chiù mà, che o no pò pezo.

61
E come o ghe* d’arente o ro desfia
Che o se cre faghe refuà ra danza
Quello chi ra farè con ra moria
E chi manco de le non hà possanza,
No fà gueri parole pe ra via
Ma o ghe responde con ra resta in lanza
Sacripante chi vè che o fà cossi*
A fà cossi* le ancon s'acconza assi.*

62
No poeren zà dui galli cossi re
Chi dre lo creste tiran zù ra pelle
Como a l’assato quelli dui guerrè,
Chi se passan con i arme re ridelle.
E ne zè ro forò fin a ro Cè
Che quasi spaventà tutte re stelle
E ve so di che i arme fon lò amighe
Chi ghe sarvan ra panza pe re fighe.