Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/152

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


54
Chin d’amò corse tosto verso quella
Ch’era so diva, e streitto l’abrazzà
E de si fatta spointa a ra donzella
Che quasi in terra l’have a trabuccà
Quella ch’era fingarda, come bella
In bocca mille vote ro bassià
Fra lè digando: quello ti sarè
Che a ro Cataio ti me menerè.

55
A ghe comenza di ra vita soa
Che a tegne quando con Rolando a zè
E come l’era steto cosi* boa
E si minchion che o ghe dormiva a pè,
(Senza cognossera ventura soa)
Osservondoghe* sempre moe ra fè,
E che ra sciò drà sò virginite*
Era si sarvo* come fuisse moe.*

56
Fossa che l’era vei ma no da cre
Da chi no fosse steto fuoe de lè,
Ma le ghe coreiva* tutto come un bè
E n’azzava re moen fin a ro Cè.
L’Amò fa pigià a un’homo ri stive*
Per scarpette da egua, (a chi l’è Dè.)
Però a de a intende a quello innamoraou
Cossa che vui, ni mi no me ra craou.