Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/143

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


27
No t’aregordi tù che ti ammazzassi
D’Angelica ro frè, che ro son mi?
Fatte vegni* in cuoe che ti zurassi
De buttamera chi fra pochi di
E se rà sorte donde ti mancassi
Supprisse lè, lamentate de ti
Caxon perche ti m’è dra fe mancaou
Overo da dra testa intro muraou.

28
E se pu ti è covè d’un morrion
Vatene a guagnà un’atro con chiù honò,
Un n’hà Rolando, ro qua è si bon
E un n’ha Rinardo ch’è forse megiò
Se ti pensi su questo ti è menchion
Che no vuoeggio moe* chiu che o veghe Sò,
E no frugà chiù li con quella picca
Se ti no vuoe desmette, vatte impicca.

29
Quando l’ombra insi* fuoera a l’improvista
E parlà che a fò inteisa monto ben,
Quasi che Ferrau perdè ra vista
E si no ghe restò de lete in sen,
E de sorte o l’havè ra mente trista
Che quasi o se sentiva vegni men,
Che quella ghe buttà in uoeggio che l’era
Mancaou de fè come unna berlendera.