Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/142

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


24
Per che se retrovà su ra schiumera
Che su ro fondo havea ra sò cellà
Puoessa che in quella chiera d’unna lera,
O no hà speranza, o pensa de pescà,
E zapettando su per quella ghiera
Tra le s'apensa zo che o doggie* fà,
Ma quella e si ficcà dentro patan
Che anchuoe no l’haverà, manco deman.
     
25
O fà un rampin de un’erboro che o taggia
E fruga, e ponze ben per ogni luoego
E tanto se remenna, e se travaggia
Che no fui visto moe* si bello zuego
E de mentre che l’ira l’abarbaggia
E che quasi parlando buoeta fuego,
Esse de l’egua fuoe per chiù despetto
Vn gran baron cosi* fin a ro petto

26
In fuoe dra testa, e l’era tutto armaou
Ma o l’haveiva un celadon in man,
Quà era quello mesmo che cercaou
Da Ferrau fo longamente in van
A Ferrau parlo* come astizzaou
E disse: o mancadou de fè, maran,
Perche te duoe lassà quella cellà
Che za gran tempo ti me deivi dà?