Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/140

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


18
Puessa che s'havean ben ro morro rotto
Quelli arragiè per venze l’atro l’un,
Perche non era un men de l’atro dotto
Che ra forza tra lò era in comun,
Rinardo a ro pagan fè prima motto
Come havereiva quasi feto ogn’un,
Che o l’havea tanto fuoego in tro gipon
Che chiù aspettà no ghe pareiva bon.

19
O disse a ro pagan stà un poco a odi*
Quello che vuoegio di chi è veritè
Ti offendi mi, ni fè proffitto ti
De famme astallà chi como ti fè
Ma se de questo è causa che ti assi*
N’haggi martello, ti no l’haverè
Perche mentre in conteiza nui staghemo
Lè fuze, e nui merlotti restaremo.

20
Però l’è meggio che derrè gh’andemo
Prima che a posse andà chiù gueri lonzi;
Perche cossi* chian chian l’acchiaperemo
(Puoe che da un’hora a l’tra* nasse fonzi.)
Como a sea nostra, ra combatteremo
Cossi* a restarà tò, se ti m’azonzi,
E se a questo accordà ti no te vuoe,
E te se imbrigno*, fà zò che ti puoe.