Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/14

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.



13.
E quando ven l'humida notte infin
Como de di ro vostro Sò m'accende,
Ni l'ombrà* d'orofoggio, ò d'armorin
Ni capello da lè me puo deffende,
E se ben da voi parto, e per camin
Trovo d'uverno giazze, e neive grende,
Tra neive, e giazza m'accende Cattannia
Como de ste quando è si gran scarmannia.

14.
Ma ro mà si è che sento ro carò
D'esto Sò vostro chi me fà bruxà,
E vei no posso ro so gran sprendò.
Se ben moe* no ro fazo cha cerca,*
Rente ho ro cado; chi me da dorò
Lonzi ra luxe, chi me puo Zovà
Pu como un Tornasò ra foggia mè
Se drizza à ro Sò vostro sempre moè.

15.
Deto ha lume à ro sò Domenende*
Perche, ò n'arve za zu ro chiero giorno
Però voi chi havei luxe chiù de lè
Asconde no ve dei ra notte, e giorno,
Che può ch'vascondei* da i oggi mè
Notte me fe parei ro chiero giorno
Per ch'orba voi lassè ra terra nostaa*
E hono* chiamè tanta cruezza vostra.