Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/139

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


15
Oime moere criando, oime Dè
Corriva quella figia come Parda,
Ferrau s’azza a quella vose in pè
E ra cognosse tosto che o ra guarda.
Ma perche (come i atri) ancora lè
Era un gran leccarezzo dra mostarda
E se deliberà de daghe aiuto
E parlando, o mostrà che o no era muto.

16
Perche a Rinardo, o disse villania
Con parole da nesso, e bestiè.
Vuoegio, disse, de ti fà Zeraria
Se metteghe re moen ti me ghe fè.
E se questa che segui pe ra via
Ti no confessi che a fea* tutta mè
Rinardo presto s’adenta* ro dio
E ghe disse: gagioffo e' te desfio.

17
Cosi una gran battagia incomenzan
Come a pè se trovan con re spue* nue
Si che re chiastre, ni re magie c’han
Aspettà poeran quelle botte crue,
E in tanto che assazzà tra lò se dan
Atro per frutta che noxe, e ferue,
Quella donzella, con ro sò fuzì
Ri pagha de carcagne tutti dui.