Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/136

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


6
Per dà un tegnit’amente à Re Marsigio
E à Re Agramante troppo odaciosi
Che per destrue Carlo, e rò so Zigio
S’eran mostrè chiu dro devei bramosi,
Ve sò dì ch’era corsi chiu d’un migio
Allegri come fan ri coragiosi,
Rolando como dissi arrivà chi
Ma poveretto che o se ne penti.*

7
Perche ghe fò levaou ra so Galante
(O guarde* come arremo sempre moe*)
Quella che da Ponente, a ro Levante
Havea defeiso con dre cotellè.
Aora se truoeva un goffo, e un’ignorante
Ni và che o l’haggie inzegno, o forza assè,
Che l’accorto Imperaou per amortà
Unna gran siamma ghe ra fe levà.

8
Era nassuo pochi giorni avanti
Tra Rinardo, e Rolando costion,
Che tutti dui vorreivan’ esse amanti
De questa figia dro Rè Sgalafron
E puoe che a Carlo acapità d’avanti
O no vosse parei d’esse menchion,
Che o ra de* in man dro veggio Namo ch’era
In quello tempo Duca de Bavera.