Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/121

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


Per hora, sarvo che me prego assè,
Che a trei me amixi me recomandè,

No sò se vui sacchiè:
Chi questi sen, mà ve ri vuoegio di
Azò che in questo no posse falli*.

Steme donca a sentì;
Messe Bernardo Castelletto, è l'un
Quà de servì l'amigo è moè zazun.

E l'atro, che à caschun;
Vorentè serve, e moè de nò, no dixe
35E messè Marcantogno dri Pernixe.

Che Dè si ro benixe;
E ro mantegne ogn'hò san, e gagiardo
Ro terso, è dri Ferrè messe Bernardo.

Quà de bon'oggio guardo;
E che dexiro chi, perche sò ben
Ch'esse con lè m'incressereiva men.

E a vui baxo re moen.
Pregandove allegrezza, e sanitè
Che Dè ve daghe zò che dexirè.


Da ra Cittè chi ha dentro sò confin,
Ra Torre de Boetio Severin.
A ei* cinque d'Arvì, dro mille cento
Ottantatrei, con sovra quattro cento.
Christoffa (chi dexira de servive)
Zabata, questo de sò man ve scrive.