Page:Rime.diverse.in.lingua.genovese.Bartoli.Pavia.1588.djvu/120

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


AL MEDESIMO


TANDEM, feto hò ro libero stampà
Con gran speisa, e trauagio (Segnò mè)
(E con qnenti* desgusti ro sà Dè)
Pe ri que m'hò havuo quasi a desperà.

Sacchiè che tosto, che fuinto zà,
Un trovei d'esti chi stampan papè,
E che in restreito m'accordei con lè
Perche o me havesse subito a spacchià,

Si ghe lassei caparra ancon perche
O me servissi* e ben, fittaraman,
Ma puo da varent'homo ò m'hà mancaou.

E cosi d'hoggi anchuoe, drento a Miran
Fin a disette giorni o m'hà menaou,
Che chiu in derrè, che in prima era de pè.

Pensè vui un poco sè;
D'esse si mà trattaou senza cazon,*
Ra stizza havei deveiva, e con raxon,

Onde per concruxon;
De no vorrei chiu tempo buttà via
Me ressorsi vegnimene a Pavia,

Dond'è unna Stamparia
Bonna, e perfetta, come ve farò
Vei, quando a Zena come vui sarò.

Atro da di no v'hò,