Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/66

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.
64
sunettiata






II.


Nu penziere me dice: «S' è scurdata!»
N' auto penziere me dice ca no...
Se fanno tutt' 'e ddui n' appiccecata;
io nun me pozzo accuietà pe mo!

La palummella mia se n' è vulata
so' dui mise, fattura nun ce po'...
Mala sciorta, ha d' avè, chi m' 'ha luvata!
Sento stu core mio c' accussì vo'!

Che ne ssapite ncuorpo che nce tengo?!
Avite vista na lacrema mai?
No. Nnanz' 'a gente ngotto e me mantengo.

Che brutta cosa a chiagnere n' ammre
quanno' uno proprio lle vo' bene assai...!
Che malatia ca ve rummane ncore!