Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/404

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


II.

Si venessa un rottora patintata,
scommettarrebba un carto ’e cinco lira
che in prisenza di un renta cariata
lo tirarrebbe, ma vi fa soffrira !

E si capiscia! È cosa riprovata,
che quando trovi un renta che ti tira,
voi potarrete sta’ pure abbracciata
col Pat’ Eterna, ma il rilora accira !

Il rilora del renta, è peggi ancora
di quarsisia rilora spasimata !
Ma in mana mia, non senti più rilora!

Il prubbico lo sapa ! Ecco perchè !
Ma si venita a casa e mi onorata,
nce sta mia moglia, ch’ è cchiù bona ’e