Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/379

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


('O guardio)

II.

— Mbè, giuvanotto, annamo cu dicenza
ca si nno te rimostro ca la legge
nun scherza mica ! Io perdo la pacenza
e te do’ prova come se curregge !

Senza fare cagnara e malvivenza
uno se po’ sfrenà come che rregge,
pecchè si nno, ne vie' ppe cunzequenza
ca po’ l’ agente, po’, te cazzottegge !

Ve fanno fa’ la scuma pe lla bocca,
sti figli cani d’ anima dannata,
e strillàzzano appena uno li tocca !

Poi t’ esce il foglio e parla de l’abbuso !
Ma sangue de na vrenzola sforcata,
gli daressi no pugno sott' al muso !