Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/362

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


IV

Mia moglie corre come un’ energuma,
grida che ho fatti» un atto di superivi,
e sfila una corona e na caterva
d'insulti, con la bocca piena ’c schiuma!...

Diventa una cajòtola proterva,

quanno s’ appiccia ! E mai non si eunzuma !...

Già !... Nella rabbia, quella se ne fuma!...

E poi 1... Biastemmia peggio d’una serva !...

Cosicché a farla breve, (è duro, è duro,

il confessarlo, ma purtroppo è vero!...*
quella mi ha presa col laganaturo ! !...

Io, capirete, me mangiavo ’e minane,
ma siccome non sò n’ orno severo,
mo* tengo il corpo tutto mulignane !•••