Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/361

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


A tavola, mia moglie, ancora irosa
pel fatto che v’ ho detto, ’e stammatina,
nie dice : — « Hai combinato quella cosa ?...»

— « Non ho potuto, sa... cara Nannina!...»

Chella, che quando impunta è permalosa,
scatta, e minaccia una carneficina...

E allora io me so’ chiuso int’ ’a cucina
per evita’ na scena dolorosa...!

Ma quando il Cielo ha detto già che tu
devi passare certe peracotte,
quello, il cervello, non t’ajuta più...

Sul focolaro nc’ era nu mattuoglio...

Io non ci bado, e 1* urto ! Ecco le botte !

E cade nterra na buttiglia d’uoglio!...