Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/36

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has been proofread.




NCOPP' 'A GUARDIA


I.


—Che c'è, Cundari?—C'è, sor dillicato,
ca questre donne, cquà...
—Gniernò, signò...
Silenzio!... Fanno un chiasso 'ndiavolato
dentr''o vicolo, llà...
—Seh, seh, va buò,

famme capace! Quanno mai si' nato?
Ricite, siè-Cuncè!...—Ma basta, mo'!
Chisto modo d'agì chi t'ha mparato?
Ricuordete addò stai, bella figliò!

Dite Cundari!...— Fanno n'ammoina!...
Mezz'ora fa se sogno appiccicate...
ho siquistrata sta spatella, cquà!...


—Gniernò, signò, verite, stammatina,
'a siè-Zufia... Sentite!... E rraggiunate!
(Puozze sculà!)—Va bene! Aspetta llà!