Page:Poesie napoletane - Ferdinando Russo.djvu/358

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
This page has not been proofread.


111.

Che ve ne fate, de nu turzo ’e spica
che se sta sempe zitto e non se smove ?

Voi mi direte : era la moda antica ?

Gnorsi. ma mo’ nce stanno ’e mmode nove!

Sciogliete ’a lingua, e vi diventa amica!
Andate avanti ! date delle prove !

Lo starsi sempre zitto è na fatica !

Col discorso, la donna si commove !

Vedete adesso! I megli giovinotti
baciano 'a mano, parlano a dovere,
e sono gl’ idolatri dei salotti !

Perciò, mostrate ’a lingua e non temete !

E muovetela in tutte le maniere;
se no, scusate : addò ve la mettete ?